Due facce della stessa medaglia

Che cos’è?

Fenomeno che indica tutto quelle parole che esprimono qualcosa e il suo esatto opposto. Come recita l’enciclopedia Treccani è “la condizione semantica di un vocabolo che nel suo svolgimento storico ha assunto un significato opposto a quello etimologico”. Si tratta quindi di una forma di polisemia all’interno della stessa parola.

Ecco alcuni esempi in lingua italiana:

feriale: deriva dal latino feriae che significa appunto ferie, i giorni di festa. L’aggettivo feriale però indica il suo esatto opposto: i giorni feriali sono infatti i giorni di lavoro

tirare: posso tirare la fune verso di me, ma posso anche tirare un sasso (lontano da me) e implicitamente indico l’azione opposta

ospite: indica sia colui che ospita sia colui che è ospitato

spolverare: indica l’azione di togliere la polvere (spolverare uno scaffale) e il suo contrario: il pasticcere spolvera lo zucchero sulla torta

Un bel grattacapo per gli amanti delle lingue! Infatti, il fenomeno non caratterizza solo la lingua italiana, ma è presente anche in altre lingue, come quella inglese. Qualche esempio?

to dust: “to remove dust” e “to add dust”

fast: “immovable” e “moving quickly”

to rent: “to borrow from” e “to lend to”

presently: “now” e “not now, but shortly in the future”  

Si tratta quindi di una falla nella lingua? In verità definendo un aspetto della realtà e nel contempo il suo diretto opposto, si completa il quadro. Ad esempio, nel caso dell’ospite, l’ospitare implica un rapporto tra chi ospita e chi è ospitato. I punti di vista sono due, ma il rapporto rimane sempre uno. Il fenomeno dell’enantiosemia è più comune di quanto si pensi, solo che spesso ricorriamo a questa forma di polisemia senza rendercene conto.  

Avete altri esempi da proporci o conoscete altri aspetti di questo tema? Allora non esitate a conttattarci al seguente indirizzo: veronica.iasoni[at]neo-comm.ch

A presto!    

Per ulteriori esempi in lingua italiana si rimanda all’articolo di liberiamo.it “Le parole che in italiano hanno due significati opposti” (http://libreriamo.it/scuola/le-parole-italiano-due-significati-opposti/).